Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti. Per saperne di più e conoscere i cookie utilizzati accedi alla pagina Cookie.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.


Editoriali

Condividi Condividi

MILANO CONTEMPORARY BALLET: il debutto sul palcoscenico

 

 



 

Fare del proprio sogno un lavoro”. E’ un pensiero inevitabile, è lo stimolo che permette a ognuno di noi di non perdere la propria strada e crearsi la possibilità di realizzare se stesso. Rischia spesso, però, di suonare come un’affermazione utopistica; ecco perché, laddove la fantasia e i desideri mancano di effettività, c’è bisogno di un sostegno concreto, della giusta formazione e di un valido percorso che possa aiutare a non perdere di vista i propri obiettivi senza allontanarsi dalla realtà.

Fare della danza un lavoro” è l’obbiettivo comune che lega i giovani danzatori di “Milano Contemporary Ballet – Junior Company”, progetto che nasce dall’idea e dall’impegno profondo di Roberto Altamura in collaborazione con lo “Studio Wayne McGregor”   di Londra, il cui scopo è quello di formare dei veri e propri professionisti , offrendo loro la possibilità di concretizzare il proprio sogno.

Giulia Beretta, Adriano Bolognino, Arianna Bombelli, Francesco Saverio Cifaldi, Mirko Ingrao, Alice Pelucchi, Arianna Pepi, Francesca Roini, Susanna Salvini, Cristian Tremishi sono i dieci giovani ragazzi,  di età tra i 17 e i 21 anni che, previa audizione, a settembre 2015 sono entrati a far parte di “Milano Contemporary Ballet”.

In nove mesi hanno seguito un percorso formativo il quale non ha semplicemente offerto loro l’opportunità  di affinare la propria tecnica, seguendo giornalmente corsi di danza classica e contemporanea, ma anche  l’occasione di affacciarsi al mondo del lavoro realizzandosi professionalmente come ballerini.

 

 

Proprio per questo era chiaro fin dall’inizio l’obbiettivo da raggiungere: debuttare con lo spettacolo “ENTITY”, creato da Wayne McGregor nel 2008, che si distingue per essere un lavoro eccezionale e fuori dall’ordinario, così come tutte le creazioni di questo giovane coreografo.

McGregor, per dare vita a questo show, ha collaborato con alcuni scienziati cognitivisti al fine di indagare sul tema dell’identificazione dell’intelligenza cinestetica, così da di presentare ballerini che siano degli “agenti coreografici intelligenti”, capaci di generare sul palco un’architettura o una serie di numeri.

 

Sull’eletrizzante musica creata da Jon Hopkins e Joby Talbot, partendo dalle sonorità di Coldplay e Massive Attack, prende vita una danza tecnicamente ed emotivamente sorprendente;  visionaria e iperrealistia, si mostra come una sfrontata improvvisazione ma di matematica precisione, poiché si rivela essere il frutto di una sofisticata riflessione e di uno studio approfondito che il coreografo rivolge al movimento.

Entity si compone di corpi, luci, tecnologia, film e presenta in scena ballerini dotati di una gestualità contrassegnata da ritmi sincopati e convulsivi, talvolta anche violenti, ma di grande impatto sul pubblico, che si sente emancipato dalla gabbia visiva in cui è solitamente costretto.

I giovani ballerini della Junior Compagny fondata da Roberto Altamura, proprio grazie a tale prestigiosa collaborazione con una delle compagnie più famose e importanti del panorama della danza contemporanea, hanno avuto l’ occasione di essere seguiti direttamente dalla compagnia Random Dance attraverso i workshop  e i lavori di re-staging che hanno visto coinvolti Jessica Wright, Davide Di Pretoro e Neil Fleming Brown.

Dopo mesi di duro lavoro, sotto la guida degli insegnanti (Roberto Altamura, Chiara Borghi, Roberta Nebulone, Vittoria Brancadoro, Virginia Spallarossa, Lorenzo Marabelli) che li hanno formati artisticamente e professionalmente, i dieci ragazzi concretizzano il primo grande traguardo debuttando in palcoscenico.

Il 20 maggio 2016 al Teatro di Milano i danzatori di Milano Contemporary Ballet solcheranno per la prima volta le scene, portando sul palco un estratto di “Entity” di Wayne McGregor e un’inedita creazione realizzata da Roberto Altamura e Vittoria Brancadoro dal titolo Connections, a cui seguirà anche la performance Tre di Tre che vedrà coinvolte Laura Pina, Raffaella Alessandrini e Carolina Frigerio, le quali danzeranno sulle note della musica di Vivaldi.

(biglietti in vendita qui:

http://toptix1.mioticket.it/TeatroDiMilano/shows/milano%20contemporary%20ballet/events)

Dopo questo primo importante esordio l’agenda della giovane compagnia, in attesa che vengano svelate nuove date, prevede al momento altri due importanti appuntamenti:  un’esibizione al Teatro Comunale di Corato (Ba),  il 27 maggio,  ed una presso il Teatro Nuovo di Napoli,  il 4 giugno.

Aspettando di vedere i ballerini della Milano Contemporary Ballet esibirsi sul palco, è possibile iniziare a scoprire le grandi emozioni che questi ragazzi sapranno regalare al pubblico sbirciando tra i video di presentazione che accompagnano la promozione dello spettacolo.

 

Dal sito ufficiale della compagnia: http://www.milanocontemporaryballet.com/#!performance/u59rc

ENTITY/excerpt
(Durata: 20 minuti – Concept, regia e coreografia: Wayne McGregor – Musica: Jon Hopkins – Restaging: Jessica Wright, Davide di Pretoro, Neil Fleming Brown – Costumi: Patrick Burnier – Light Design: Lucy Carter)

Video: https://vimeo.com/161510606

 

TREdiTRE
(Durata: 25 minuti – Regia e Coreografia: Roberto Altamura – Musica: A.Vivaldi)

“Attraverso le personalità, fisicità e caratteristiche differenti delle tre danzatrici che interpretano questa performance sulle note di Vivaldi, si vuole dare un corpo alla musica di questo grande compositore. L’alternarsi di estetica, tecnica e qualità del movimento danno vita a una danza potente, musicale, nervosa e dinamica.”

Video: https://vimeo.com/161508689

 

CONNECTIONS (creazione inedita per 10 danzatori)
(Durata: 25 minuti – Regia e coreografia: Roberto Altamura e Vittoria Brancadoro – Musica: AAVV)

“L’attrazione tra idividui, è un potere potente, capace di stabilire legami anche dopo pochi minuti di conoscenza. Come se fossimo calamite, possiamo attrarre e catturare, spingerci in un vortice che non sempre siamo in grado di descrivere, ma che cambia le sensazioni nel nostro corpo e nella nostra mente.Connections è la ricerca di qualcuno, qualcosa, che possa starci accanto, completare e compensare i nostri tasselli mancanti, come se la necessità di trovare un’estensione della nostra persona fosse di importanza vitale.Connections è uno spazio in cui attraverso esperienze, legami, rapporti, relazioni e contatti, il corpo, muovendosi crea continue connessioni con se stesso e con altri corpi.”

Video: https://vimeo.com/161509968

 

E’ doveroso, inoltre, segnalare l’audizione indetta per il 15 maggio 2016 da Milano Contemporary Ballet,  il cui scopo è quello di riunire giovani danzatori per il nuovo progetto in collaborazione con Studio Wayne McGregor, al termine del quale porteremo in scena "FAR", creazione originale di Wayne McGregor. Selezionamo danzatori con buona base classica e contemporanea.
Entro il 13 maggio 2016 è possibile inviare la propria candidatura allegando una breve biografia e un link video all’indirizzo:

 info@milanocontemporaryballet.com .
(per maggiori informazioni: http://www.milanocontemporaryballet.com/#!audizioni/cee5 )

 

Info: http://www.milanocontemporaryballet.com/

Foto: Benedetta Pitscheider ( www.pitsfoto.com)

Video: Umberto Soldà (www.soldaout.com )Video by Umberto Soldà www.soldaout.com

 

ELENA PALMIERI

 

 

Inviare la propria candidatura allegando breve biografia e link video all'indirizzo info@milanocontemporaryballet.com entro il 13 maggio 2016, per maggiori informazioni visita la pagina http://www.milanocontemporaryballet.com/#!audizioni/cee5 Inviare la propria candidatura allegando breve biografia e link video all'indirizzo info@milanocontemporaryballet.com entro il 13 maggio 2016, per maggiori informazioni visita la pagina http://www.milanocontemporaryballet.com/#!audizioni/cee5

Il supporto della compagnia, permetterà di affinare e migliorare, nonchè sviluppare le capacità creative di ogni singolo danzatore e la propria qualità nella danza contemporanea, creando così un legame con il mondo della danza professionale.

Inviare la propria candidatura allegando breve biografia e link video all'indirizzo info@milanocontemporaryballet.com entro il 13 maggio 2016, per maggiori informazioni visita la pagina http://www.milanocontemporaryballet.com/#!audizioni/cee5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un momento dell'audizione


lascia qui il tuo commento: